A Belluno l’assemblea annuale dei maestri di sci del Veneto

0
204

Intervento dell’assessore regionale Finozzi: “siete i nostri interlocutori del turismo della neve”

A Belluno si è svolta l’assemblea annuale dei maestri da sci, una delle categorie più importanti per il turismo bianco e per la promozione e valorizzazione più generale della montagna veneta. Ne è consapevole l’assessore regionale al turismo, Marino Finozzi, intervenendo all’evento svoltosi tenutasi nella sala riunioni del Nogherazza: “il progetto condiviso in questo settore tra Collegio dei maestri di sci e Regione Veneto è attualissimo. I maestri sono, per quanto ci riguarda i diretti interlocutori del turismo della neve; coloro che garantiscono attraverso qualità, professionalità e sicurezza di mantenere alto il livello del nostro turismo montano”. Proprio per valorizzare ulteriormente l’opera dei maestri da sci, Finozzi ha presentato un’iniziativa della Regione: “all’associazione dei maestri da sci sarà erogato un contributo di 50.000 euro all’anno per tre anni, finalizzato a promuovere l’attività di categoria e realizzare un’unica divisa. Questo servirà tra l’altro a rafforzare lo spirito d’appartenenza”.

All’assemblea erano presenti circa 200 maestri, in rappresentanza di oltre una trentina di scuole attive sulla montagna del Veneto. Il presidente del Consiglio direttivo, Roberto Pierobon, ha illustrato ai presenti l’attività svolta in particolare la situazione europea e il progetto regionale: “vogliamo introdurre strumenti di verifica della professionalità dei maestri che siano uguali per l’intera Europa. Si tratta di un progetto voluto da tutti gli Stati dell’arco alpino. Il protocollo d’intesa discusso al Convegno di Monaco sui requisiti minimi per i maestri sarà portato a breve a Bruxelles al Commissario europeo per le professioni. L’obiettivo finale è quello di arrivare preparati alla stesura della ‘carta verde’ delle professioni che la Comunità Europea ha intenzione di attuare nel 2012”.

Durante i lavori è stato consegnato a Fabio “Rufus” Bristot un contributo di 2.000 euro per le famiglie dei due volontari, Alberto Bonafede e Aldo Giustina, che hanno perso la vita durante un soccorso sul Pelmo. Con l’occasione il presidente ha ricordato all’assemblea di aver portato all’Aquila un contributo di 7.500 euro raccolto grazie ai maestri di sci del Veneto a favore dei colleghi abruzzesi colpiti da lutto o rimasti senza casa a causa del sisma. Pierobon ha infine richiamato l’accordo sottoscritto con un’importante marca automobilistica di Conegliano, con il messaggio “Emozioni in sicurezza”, che svilupperà iniziative di valorizzazione dei maestri come testimonial di sicurezza sulla neve.