Lo Stato non paga? La provincia di Vicenza chiede l’ingiunzione

0
252
vicenza giunta commissaariale schneck galla
vicenza giunta commissaariale schneck gallaSchneck: “abbiamo un credito importante di quasi 55 milioni di euro che ci serve per onorare i debiti dell’ente nei confronti dei fornitori”

La pazienza, anche quella più grande tipica del commissario straordinario della provincia di Vicenza, Attilio Schneck, è destinata a finire se ne si abusa. Per ovviare al fatto che lo Stato è in clamoroso ritardo nell’adempimento di quanto deve agli enti locali, la provincia ha fatto partire un’ingiunzione contro il Ministero dell’Interno ed il Ministero della Economia e delle Finanze depositata al Tribunale di Roma.

Oggetto del ricorso il mancato trasferimento erariale, pari a circa 54.885.000 euro, dovuti all’ente berico dallo Stato per le funzioni amministrative costituzionalmente esercitate dalla Provincia nel 2007 e nei quattro anni precedenti.

“Si tratta – sottolinea una nota di Palazzo Nievo – di un credito importante, del quale, le note ministeriali costituiscono prova scritta ed hanno valore non solo di dichiarazione di scienza ma anche di manifestazione di volontà”. Secondo Schneck “il perdurante inadempimento dello Stato può creare un danno giuridicamente apprezzabile in relazione alle funzioni attribuiteci dalla costituzione costringendoci a ricorrere ad onerose anticipazioni di tesoreria. In più vi è la necessità di onorare i crediti nei confronti dei fornitori dell’Ente. Per questo abbiamo ritenuto necessario e urgente tutelare le nostre ragioni ricorrendo al procedimento”.