FVG STRADE, DISCRIMINATORIO ED OLTRAGGIOSO IL PROCEDIMENTO DI ASSUNZIONE DEI LAVORATORI

0
175
FVG pdl Rodolfo Ziberna 1
FVG pdl Rodolfo Ziberna 1Il vicepresidente del gruppo Pdl in Regione Ziberna contesta le assunzioni per un ente regionale limitate al solo territorio di Trieste

Il vicepresidente del Gruppo Pdl in Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, Rodolfo Ziberna è intervenuto in aula per ribattere alla risposta, giudicata completamente insoddisfacente, alla sua interrogazione alla Giunta regionale nella quale si chiedeva sia come mai FVG Strade potesse attingere dalle liste di disoccupazione o delle categorie protette della sola Provincia di Trieste e non dalle altre, sia il perché si richiedesse la laurea o titolo di studi equipollente per ricoprire un posto di categoria contrattuale B1.

“Sotto occupazione per non dire sfruttamento e discriminazione tra i lavoratori delle categorie protette della regione. Quello di FVG Strade avvallato e condiviso dalla Giunta Regionale è un atteggiamento a dir poco scandaloso” Ha detto l’esponente azzurro sottolineando come “se la Giunta avvalla il principio che si valutano lavoratori solo di Trieste perché gli uffici si trovano a Trieste allora si afferma il principio che a Roma devono lavorare solo romani e a Bruxelles solo belgi. Questo comportamento è totalmente discriminatorio nei confronti di tutti i lavoratori della regione. In questi termini, i cittadini di Udine, Prodenone, Trieste, Gorizia non possono andare a lavorare in città differenti dalla propria provincia. In questo caso, allora, bisognerà anche rivedere la distribuzione di tutti gli uffici nel territorio regionale per evitare ulteriori discriminazioni”.

Ziberna pone poi l’accento sul fatto che l’azienda assume laureati inquadrandoli ai più bassi livelli d’inquadramento: è avvilente anche il fatto che si vogliano sfruttare le competenze di laureati facendogli ricoprire uno tra i più bassi livelli retributivi. Se questo non si chiama sotto occupazione o sfruttamento allora ditemi di cosa si tratta?”.