Ad Egna la festa dell’Euregio Tirolese

Kompatscher, Platter e Fugatti confermano le radici comuni storiche e culturali che legano le tre province dell’antico Tirolo. 

0
158
euregio tirolese

Egna, ridente borgata al confine tra la provincia di Trento e quella di Bolzano, ha ospitato l’edizione 2019 della Festadell’Euregio Tirolese, con la presenza dei presidenti dei tre territori che la compongono, oltre ad una nutrita partecipazionepopolare da tutto il Tirolo storico per una grande festa di piazza, fatta di cultura, divertimento, musica ed enogastronomia.

A fare gli onori di casa il presidente della provincia di Bolzano e presidente di turno dell’Euregio Tirolese, Arno Kompatscher: «l’Europa è la nostra strada» ha detto rivolgendosi ai cittadini provenienti da tutta l’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino in occasione dell’apertura della festa dell’Euregio a Egna che ogni due anni, il festival segna la solenne chiusura della presidenza di Euregio, ricoperta a rotazione da uno dei tre territori dell’Euregio Tirolese.

euregio tirolese
Sindaco di Egna, Horst Pichler, il presidente della provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, quello della provincia di Trento, Maurizio Fugatti, il capitano del Tirolo, Günther Platter, passano in rassegna la compagna di Schutzen

Kompatscher, attuale presidente dell’Euregio Tirolese, ha fatto riferimento all’importanza dell’Euregio: «non è un’idea astratta: è un grande progetto e una realtà concreta». I confini creati 100 anni fa non possono essere distrutti, «ma possiamo superarli» ha detto Kompatscher. «L’Europa di oggi – ha aggiunto – è un progetto di pace, sicurezza e prosperità. Ci consente di vivere contemporaneamente la nostra diversità e di essere uniti». Con l’appello: «l’Europa è la nostra strada», si è rivolto a tutti i cittadini affinché la vivano concretamente e siano «ambasciatori dell’Euregio, ambasciatore dell’unità nella diversità».

euregio tirolese
La sfilata degli Schutzen per il centro di Egna.

Anche il capitano tirolese, Günther Platter, ha sottolineato il valore della tradizione, che deve condurre al futuro: «cento anni dopo la divisione del nostro territorio, dobbiamo fare tutto il possibile far sentire di nuovo unite le persone. Ciò richiede anche progetti concreti e questo festival ne è un perfetto esempio».

Il presidente trentino, Maurizio Fugatti, ha parlato di «una storia comune che si riflette nel presente di oggi e conduce con uno spirito di unità nel futuro», sottolineando come le tre diverse realtà del Trentino, dell’Alto Adige e del Tirolo trovano la loro unità nell’Euregio: «questo è il suo grande valore».

Tutti e tre i presidenti hanno sottolineato quanto siano concreti i problemi e le preoccupazioni che le tre regioni hanno in comune: combattere il cambiamento climatico, ridurre il traffico di transito, prevenire catastrofi naturali sono solo alcuni esempi. Ma anche dare risposte alle famiglie e ai giovani, coordinare le attività di ricerca e sviluppo e molto altro. E per il futuro, hanno annunciato Komptascher e Platter, arriverà un abbonamento congiunto per il trasporto pubblico.

Il sindaco di Egna, Horst Pichler, lo ha definito un «raro onore dare il benvenuto a tre presidenti contemporaneamente, insieme a molti visitatori provenienti da tutta l’Euregio Tirolese».

euregio tirolese
La sfilata delle donne tirolesi in costume tipico.

Dopo i saluti del sindaco Pichler, i tre presidenti hanno ricevuto un quadro di un giovane artista contemporaneo di Egna e hanno ascoltato il coro di dieci sindaci dell’Alto Adige intonare canzoni dedicate ai tre territori; infine hanno seguito la formazionedegli Schützen di Trentino, Alto Adige e Tirolo accompagnati dalla banda della Bassa Atesina attraverso i caratteristici portici del paese, dove è stato quindi dato l’avvio ufficiale alla festa.

I tre presidenti hanno colto l’occasione anche di visitare il Klösterle, l’Ospizio di San Floriano in località Laghetti. Presso questo complesso medievale del XIII secolo, uno degli ultimi esempi completi rimasti di ospizi per pellegrini di tutta Europa, era organizzata una parte della festa, con visite alla vicina centrale idroelettrica. Quindi le autorità hanno dato il calcio d’inizio alla Coppa Euregio, che ha visto sfidarsi sul campo da calcio di Egna le quattro migliori squadre di calcio sia femminili che maschili dei tre territori.

In piazza ad Egna per tutto il pomeriggio si è tenuta la festaDis-Egna: Mercato delle idee”, con diversi gruppi musicali, come il Sepp Oktett e l’Orchestra giovanile di fiati dell’Euregio, nonché un programma artistico e culturale pensato per tutti con iniziative dedicate a famiglie e bambini.  All’inizio della cerimonia una compagnia di Schützen ha anche consegnato personalmente ai tre presidenti una risoluzione con le proprie richieste.

L’ultimo atto ufficiale della presidenza altoatesina avrà luogo mercoledì 25 settembre, con la riunione della giunta dell’Euregio Tirolese e l’incontro a Bolzano, prima di cedere al Tirolo il testimone dal 12 ottobre.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata