I discendenti di Friulani emigrati ricevuti in Consiglio regionale

Zanin: «persone alla ricerca delle loro radici e di nuove opportunità». 

0
2471
discendenti di friulani
Il presidente Piero Mauro Zanin al centro in prima fila con i corregionali all'estero dell'Efm.

Un incontro non di maniera, ma fatto di sentiti ringraziamenti e anche qualche lacrima e parole di emozione, uscite dal cuore dei discendenti di Friulani nel raccontare la storia di uomini e donne costretti a partire come emigranti, con il cuore in gola e tanta paura, ma con la consapevolezza di doverlo fare per garantire un futuro ai propri figli, lasciando una terra allora povera per un’altra straniera ma piena di speranze.

Si è srotolato così l’appuntamento tra i partecipanti ai progettiAlla scoperta delle proprie radici” e “Destinazione Fvg” (una quarantina di discendenti di Friulani, Giuliani e anche della minoranza slovena, che si sono stabiliti in Paesi del Sud e del Nord America, Canada, Sud Africa, Australia e Belgio) con il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin, affiancato dai consiglieri Antonio Calligaris, Tiziano Centis e Giuseppe Ghersinich, e l’assessore regionale all’immigrazione, Pierpaolo Roberti.

Chiamati ad accompagnare gli ospiti, i presidenti delle associazioni e degli enti che sostengono il Friuli Venezia Giulia nel mondo: Gino Gregoris, dell’Ente friulano assistenza sociale e culturale emigranti (Efacse); Paolo De Gavardo, dell’Associazione Giuliani nel Mondo (Agm); Loris Basso, dell’Ente Friuli nel Mondo (Efm); Graziella Bianco Coren, dell’Unione emigranti sloveni Fvg (Ues).

A sottolineare l’importanza del legame con la patria d’origine è stato il padrone di casa, Zanin, che ha fatto presente come «si dica patria proprio perché significa terra dei padri, una terra a cui tornare perché si sente il richiamo del sangue e perché sicuramente i vostri genitori e i vostri nonni vi hanno trasmesso l’amore per questa regione».

«Vi fa onore che desideriate essere qui a conoscere le vostre radici e noi siamo orgogliosi di ospitarvi – ha aggiunto Zanin – perché ci rappresentate all’estero, lì dove avete studiato, avviato un’impresa, creato una vostra famiglia e dunque siete diventati una risorsa preziosa anche per i Paesi dove siete nati. Alle associazioni dei corregionali oggi si chiede un’operazione di ammodernamento, perché i ragazzi oggi non cercano più solo le proprie origini, ma anche opportunità e il Friuli Venezia Giulia è una Regione che, con le sue leggi e i suoi contributi, vuole dare a chi è partito l’occasione di rientrare».

Il presidente Gregoris ha ringraziato l’ospitalità presso il Consiglio regionale dei discendenti di Friulani, «cuore pulsante della democrazia, perché qui si regolamentano i rapporti sociali ed economici del territorio. Ci viene raccomandato un rinnovamento – ha detto riallacciandosi al ragionamento del presidente Zanin – e posso dire che tutte noi associazioni dei corregionali lo abbiamo fatto, in particolare negli ultimi 2-3 anni segnati dalla pandemia che ci ha costretti a trovare nuovi obiettivi».

De Gavardo ha riportato quanto si sta facendo in Svezia per attrarre nuove forze lavoro qualificate e nuovi professionisti, tra servizi scolastici, opportunità di fare carriera, incentivi economici e periodi garantiti di rientro a casa, «un sistema che dovrebbe essere preso a modello anche dalla Regione per aiutare gli specialisti che magari vorrebbero rientrare, ma ovviamente solo a determinate condizioni. Certo si tratterebbe di un impegno gravoso, ma garantirebbe sia chi vuole restare, sia avere a disposizione personale qualificato».

E che chi parte ha desiderio di fare carriera, visto che sacrifica famiglia e affetti, ha detto poi anche Basso, che a Monaco, dove di recente l’Efm ha ricostituito il Fogolâr Furlan, si è trovato a chiedere a migranti under 45 se volessero rientrare, ricevendo una risposta negativa, soprattutto dalle donne, in quanto a Monaco hanno trovato i servizi necessari per potersi affermare nella carriera e nella vita privata.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata