Pedemontana veneta, il cantiere prosegue verso la conclusione dell’opera nel 2020

Aggiornamento del cronoprogramma dei lavori. Fino ad oggi speso il 55% dell’importo. Nel 2019 previsti altri 600 milioni di euro. Il rimanente nel 2020. 

0
608
Pedemontana Veneta

Se non si verificheranno situazioni problematiche del tutto imponderabili, la Superstrada Pedemontana Veneta sarà ultimata, come previsto, alla fine del 2020. Non ci sono state variazioni del quadro economico e l’investimento totale, pari a 2.258 milioni di euro, è già stato speso per il 55% circa, con un ritmo di produzione lavori pari a 30 milioni di euro al mese. Tutto quanto indicato dal protocollo anticorruzione firmato a fine agosto dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e dal presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, è stato attivato. Si conferma la scelta strategica (in accordo con il Concessionario) dell’apertura progressiva al traffico per singole tratte man mano che verranno terminate e saranno funzionali. La prima, tra Breganze e l’A31 in provincia di Vicenza, lo sarà non appena portati a termine alcuni adempimenti amministrativi e risolte non semplici questioni informatiche, legate alla connessione dei vari sistemi di pedaggiamento.

Il punto sullo stato di avanzamento dei lavori è stato fatto a Venezia nella sede della giunta regionale, con il direttore della Struttura di progetto della Superstrada Pedemontana Veneta, ingegner Elisabetta Pellergrini, che ha illustrato sette punti principali dell’opera.

Avanzamento dell’investimento: l’importo totale di 2.258 milioni è già stato speso per il 55% circa. Rimangono quindi da spendere circa 1.250 milioni fino al 2020.

Avanzamento degli espropri: ad oggi, gli espropri sono stati pagati, e definiti con emissione del decreto di esproprio registrato e trascritto, per l’83% dei casi, che diventerà circa il 95% per la fine del 2018. Rimarranno da concludere quei casi in cui sono ancora presenti alcuni problemi amministrativi come, ad esempio, cancellazioni di ipoteche e successioni nel frattempo divenute necessarie. Tutte le procedure espropriative saranno comunque concluse nel 2019.

Cronoprogramma e rispetto dei tempi: pur essendo l’andamento dei lavori dipendente da molteplici fattori, a oggi si può presumere un cronoprogramma a finire con una spesa di lavori per circa 600 milioni nel 2019, con una produzione mensile in salita a 50 milioni di euro. L’importo rimanente sarà speso nel 2020.

Varianti: la variante Vallugana che prevede la modifica della cantierizzazione per realizzare la galleria di Malo-Castelgomberto, necessaria per recuperare parte del cronoprogramma dopo il lungo stop seguito all’incidente sul lavoro verificatosi, è già stata assentita dai ministeri competenti e potrà partire a giorni; la variante di Breganze è alla fase dell’interlocuzione con i ministeri stessi e riguarda la modifica della viabilità complanare in aderenza al percorso della Pedemontana, come richiesto dal comune di Breganze.Pedemontana Veneta

Conferenze di servizi: sono in itinere alcune conferenze di servizi finalizzate all’adeguamento alle prescrizioni dettate nei decreti di approvazione dei progetti esecutivi. In particolare, si tratta del ponte sul torrente Laverda; dello spostamento più a valle delle stazionidi servizio Piave Est e Piave Ovest sull’Autostrada A27 (che si chiameranno Sile Est e Sile Ovest); della risoluzione di alcune interferenze pluvi-irrigue e con infrastrutture come gasdotti, acquedotti, linee elettriche e telefoniche.

Punti critici: il punto critico sul quale si concentra maggiormente l’attenzione è l’attacco della Superstrada Pedemontana Veneta all’Autostrada A27 a Spresiano(Treviso), da realizzare solo dopo lo spostamento delle aree di servizio Piave Est e Piave Ovest. Si tratta di un’operazione complessa le cui tempistiche si stanno definendo in collaborazione con il concessionario dell’autostrada. I costi di spostamento delle aree di servizio sono comunque a carico di SPV.

Monitoraggi: tutte le azioni di monitoraggio e controllo da parte della Struttura regionale sono in atto, compreso quanto previsto dal protocollo anticorruzione Salvini-Zaia dello scorso agosto. In questo ambito sono operativi presso le Prefetture di Treviso e Vicenza due Tavoli di regìa per la valutazione delle eventuali problematiche che dovessero emergere. A oggi, su segnalazione della Prefettura di Roma, è stata allontanata una sola ditta. Relazioni trimestrali sui monitoraggi sono anche inviate ai ministeri competenti (Infrastrutture e Ambiente) e contengono, tra l’altro, le verifiche di ottemperanza su due livelli: la verifica dei progetti esecutivi e la verifica che i lavori eseguiti corrispondano alle previsioni dei progetti esecutivi stessi.

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

© Riproduzione Riservata