Salumi trentini, filiera certificata dalla stalla al consumatore sotto l’ombrello “Qualità Trentino”

0
357
consorzio salumi trentino luganega 1
consorzio salumi trentino luganega 1Presentato dal consorzio Trentinosalumi il “patto di filiera” sottoscritto da 23 allevamenti, 3 impianti di macellazione e altrettanti di sezionamento

Carne salada, mortandela, luganega e speck: sono queste le specialità della salumeria trentina che possono fregiarsi, accanto ad altre produzioni agroalimentari d’eccellenza, del marchio “Qualità Trentino” e che, da ora, possono presentarsi ai consumatori con una ulteriore garanzia, quella di una filiera certificata ISO 22005, dalla stalla al negozio, nata all’interno del progetto “Origine Garantita Trentinosalumi” e frutto di un anno di lavoro del Consorzio Produttori Trentini di Salumi con il coinvolgimento di 23 allevamenti, 3 impianti di macellazione e altrettanti di sezionamento per u fatturato annuo complessivo di circa 200 milioni di euro.

«I consumatori – spiega Loris Largher, presidente del consorzio – potranno scegliere in tutta sicurezza una carne nata e allevata in un territorio delimitato nonché macellata e lavorata solo in Trentino dalle nostre aziende consorziate». Secondo l’assessore all’agricoltura della provincia di Trento Michele Dallapiccola, questa «è un’iniziativa in cui la politica riceve giovamento dall’intrapresa privata e che aggiunge valore alla promozione dei nostri prodotti a marchio “Qualità Trentino” non solo nei confronti dei consumatori di casa nostra ma anche del sistema turistico».

Il “patto di filiera” che allevatori, macellatori e impianti di sezionamento della carne hanno stretto con il Consorzio Produttori Trentini di Salumi ha comportato l’investimento di un milione di euro ed è stato verificato e accreditato da CSQA Certificazioni. Il certificato (n. 36394 emesso l’11 luglio 2014) garantisce per il prodotto mezzene e tagli anatomici di carne suina, venduti sfusi o confezionati sottovuoto e identificati dalle diciture “carne per QT” o “carne destinata a QT” del Consorzio Produttori Trentini di Salumi, la conformità allo standard UNI EN ISO 22005:2008 Rintracciabilità nelle filiere agroalimentari.

Nata per rendere disponibile carne garantita per la produzione di salumi a marchio “Qualità Trentino”, la filiera Origine Garantita Trentinosalumi traccia 22 elementi significativi: gli allevamenti di nascita, gli allevamenti di ingrasso, l’ubicazione degli allevamenti, la sede e la data di macellazione, il numero e il peso dei suini macellati e il lotto di macellazione; sede e data di lavorazione e sezionamento, ubicazione dei macelli e dei centri di sezionamento, lotto del prodotto sezionato, data e sede di lavorazione, lotto e quantità dei prodotti; cliente destinatario, data, tipologia, quantità e lotto del prodotto finito.

consorzio salumi trentino presidente loris largher 1«Crediamo fortemente nei valori dei nostri consumatori, valori che condividiamo – spiega Loris Largher – perché consideriamo noi stessi e le nostre famiglie i nostri primi consumatori. L’opportunità di poter offrire carni di ottima qualità e strumenti per poterle identificare e scegliere è un sevizio che abbiamo scelto di garantire, e con il marchio “Origine Garantita Trentinosalumi” diamo forma grafica all’impegno che da sempre mettiamo nel nostro lavoro».