Il Gruppo Lifeanalytics acquisisce due nuovi laboratori di analisi in Italia

0
160

Il Gruppo Lifeanalytics – specializzato da oltre 40 anni nei servizi di analisi chimiche, microbiologica e biologica – ha acquisito due nuovi laboratori, ampliando così la sua expertise nel settore delle analisi alimentari e dei materiali, e rendendo ancora più capillare la sua presenza sul territorio.

Il Gruppo dal 2018 ad oggi ha investito oltre 200 milioni di euro per attività di acquisizione ed integrazione, e per il 2020 sono previsti ulteriori investimenti.

I laboratori che entreranno a far parte del Gruppo, leader in Italia, sono il Chimiclab di Roma e il 3A di Padova, entrambi altamente specializzati nell’analisi microbiologiche e chimiche per il settore alimentare e con una particolare esperienza nella GDO e nella ristorazione collettiva, oltre al settore dei materiali.

Lifeanalytics conta adesso 28 laboratori, distribuiti sul territorio nazionale, ed una presenza ancora più capillare in 13 regioni.

L’integrazione di nuove realtà è uno dei principali driver che da sempre guidano la strategia di mercato di Lifeanalytics, condivisa anche dal suo owner Lifebrain, e che ha permesso al network di prevedere una chiusura in positivo del +4% rispetto al 2019 con un fatturato stimato di 45 milioni di euro per il 2020.

Già ad agosto le stime si erano rivelate positive: rispetto allo stesso mese del 2019 l’azienda ha registrato +22% e, in previsione, nel periodo autunnale il Gruppo segnerà uno stimato +10% mensile, recuperando la maggior parte delle perdite subite durante il lockdown.

“Poter chiudere l’anno in positivo è un segnale importante per noi e per l’intero settore, perché dimostra che la nostra strategia funziona e che le aziende, nonostante questo periodo complesso, continuando a darci fiducia e rispettare elevati standard di qualità, produzione e sicurezza – dichiara Giovanni Giusto, Amministratore Delegato di Lifeanalytics – Le acquisizioni di nuovi laboratori sono state fondamentali per raggiungere questo obiettivo finanziario nel 2020, ma non sarebbero mai state possibili senza le nostre risorse umane, il secondo driver che guida la nostra strategia”.

Lifeanalytics conta infatti uno dei più imponenti team sales a livello nazionale, formato da oltre 70 persone, tra dipendenti e collaboratori, ovvero il 13% della sua forza lavoro.

L’integrazione di nuovi laboratori ha come obiettivo l’efficientamento dell’offerta di analisi ai clienti, non solo in termini di procedure ma anche a livello di qualità e sicurezza. Gli elevati standard del Gruppo consentono infatti la tracciabilità dei processi diagnostici, garantendo così la qualità del dato analitico e una maggiore rapidità ed efficacia nella risposta.

“Crediamo fortemente che l’efficientamento e la standardizzazione dei processi siano la base per portare innovazione nel nostro settore. Innovazione intesa sia come utilizzo di nuove strumentazioni tecnologiche che permettono di svolgere indagini sempre più approfondite, sia come ampliamento e crescita della forza lavoro con un team sempre più specializzato e competente – ha aggiunto Giovanni Giusto – Inoltre la presenza dei nostri laboratori su tutto il territorio nazionale ci permette di impiegare e valorizzare una maggiore forza lavoro locale, oltre a garantire una reale prossimità al cliente”.

Lifeanalytics è parte del Gruppo Lifebrain e nasce nel 2018, dall’unione di 25 società italiane che racchiudono oltre quarant’anni di esperienza su servizi analitici di chimica, microbiologia e biologia per i settori alimentare, ambientale, farmaceutico, ospedaliero, dei cosmetici, dei beni culturali, ingegneria e geotecnica e nel settore dell’igiene industriale. Lifeanalytycs, tra gli altri servizi, offre anche attività di analisi sensoriali, consulenza, formazione e auditing. Grazie alla professionalità dello staff e all’elevata specializzazione tecnico-scientifica il Gruppo supporta imprese, enti e strutture sanitarie, trovando la soluzione migliore ad ogni necessità. Il Gruppo dal 2018 ad oggi ha investito oltre 200mln di euro per attività di acquisizione ed integrazione, e per il 2020 sono previsti ulteriori investimenti.