Cimice asiatica: Alleanza coop agroalimentari critica le lungaggini burocratiche

Dall'Emilia Romagna al Trentino a rischio la produzione frutticola 2022. Vernocchi: «manca via libera per usare le difese naturali». 

0
461
cimice asiatica

Oltre ai disastri naturali, come quello rappresentato dalla diffusione della cimice asiatica, l’Italia è afflitta quasi in modo pandemico da un altro male, quello dell’eccesso di burocrazia irresponsabile che con le sue lungaggini mette a rischiol’economia nazionale.

Il settore agricolo vede aumentare le patologie a partire dalla cimice asiatica, ma non solo, i fitofarmaci si riducono e le alternative naturali restano bloccate con il rischio di mettere a repentaglio la frutta estiva.

Il coordinatore settore Ortofrutta di Alleanza cooperative Agroalimentari, Davide Vernocchi, denuncia come «lentezze amministrative e ritardi burocratici stiano impedendo ancora l’utilizzo dei mezzi naturali, come gli insetti antagonisti per la difesa di pere, drupacee, ciliegie e piccoli frutti» della stagione 2022, dopo quella 2021 afflitta da gravi danni.

«Da diversi mesi abbiamo richiesto autorizzazioni all’uso degli antagonisti per la cimice asiatica marmorata e del moscerino Drosophila suzukii, ma non ci sono state ancora concesse – prosegue Vernocchi -. Ora migliaia di produttori, dall’EmiliaRomagna al Trentino, da Nord a Sud della penisola, non sanno come gestire il problema e come difendere le piante. La burocrazia non va purtroppo al passo con i tempi della natura».

L’Italia, secondo Vbernocchi, «dimostra ancora una volta di non essere lungimirante: i due insetti alieni non saranno i primi né gli ultimi, occorrerà attrezzarsi con flussi autorizzativi e procedure burocratiche più fluide. Il rischio, purtroppo, è di vedere compromessa la produzione estiva».

Il sistema frutticolo ingloba le contraddizioni che caratterizzano la situazione italiana. Da un lato l’impegno a trovare alternative alle soluzioni chimiche per controllare le patologie; dall’altro le difficoltà e ritardi nell’ottenere i permessi per usare mezzi naturali.

«Ci risulta che migliaia di insetti antagonisti (nello specifico le specie Trissolcus japonicus e Ganaspis brasiliensis Ihering) che erano destinati alle regioni più precoci siano rimasti inutilizzati – afferma Vernocchi – e con l’avanzare della stagione si corre il rischio di vanificare il lavoro dei centri di ricerca e dei centri di moltiplicazione, compromettendo in tal modo il lavoro dei frutticoltori».

Il tutto sull’altare di una burocrazia che la politica non accenna a volere aggredire e a ricondurre nel solco di un servizio efficiente a favore di cittadini ed imprese e non contro la collettività che le paga lo stipendio.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata