Economia nazionale stagnante: per Confcommercio c’è incertezza e preoccupazione

Crescita debole. Tiene l'occupazione, rallenta l'inflazione. Tengono i consumi delle famiglie da troppo tempo compressi.

0
706
economia nazionale Indicatore consumi di Confcommercio Osservatorio Economia e Territorio Cna danni al terziario confartigianato pil

Nell’analisi del Centro studi di Confcommercio sull’economia nazionale, «il primo trimestre del 2023 si dovrebbe essere chiuso con una sostanziale stagnazione dell’economia italiana. La stima, pure allontanando l’ipotesi della modesta recessione tecnica, non elimina le incertezze e le preoccupazioni sul prosieguo dell’anno, anche in ragione del peggiorato quadro internazionale».

Per Confcommercio si registrano «segnali di tenuta» per l’occupazione, mentre la crescita «al momento, appare debole. Il Pil ad aprile è atteso aumentare dello 0,3% su marzo, con una variazione nulla su base annua». Ancora per aprile «è atteso un ulteriore rallentamento dell’inflazione».

La tenuta dell’occupazione «ha permesso, in termini aggregati, di contenere la perdita del potere d’acquistosubita dalle famiglie a causa dell’elevata inflazione. La variazione dei prezzi al consumo ha comunque decelerato in misura significativa dopo aver toccato il punto di massimo a novembre 2022».

In questa situazione dell’economia nazionale, le famiglie «hanno fatto ampio ricorso al risparmio, situazione che, in assenza di miglioramenti significativi sul versante del lavoro e dell’inflazione, potrebbe determinare nella seconda parte del 2023 una stagnazione della domanda».

A marzo 2023 «i consumi, misurati nella metrica dell’Icc (indicatore consumi Confcommercio), hanno registrato una variazione tendenziale dell’1,1%. Questo andamento è stato determinato in misura quasi esclusiva dai servizi (+5,8%), su cui continua a incidere la positiva evoluzione del turismo e la volontà delle famiglie di recuperare parte dei consumi dedicati al tempo libero a cui sono state costrette a rinunciare per un lungo periodo. Tra i beni, che complessivamente registrano una riduzione dello 0,4% su base annua, si segnala il miglioramento della domanda per le autovetture (+16,7% tendenziale), segmento per il quale, nonostante gli ultimi mesi in ripresa, il livello dei consumi si mantiene distante dai volumi raggiunti negli stessi mesi del 2019».

Per Confcommercio «rimane fortemente negativa la domanda per gli alimentari (-3,9% tendenziale), per l’energia elettrica (-4,9%) e i mobili (-4,0%). La situazione per il settore dell’abbigliamento e delle calzature si conferma complicata (-0,8% su base annua), a conferma di come, al di là di occasionali miglioramenti, per questo segmento di consumo il ritorno sui valori del 2019 sia sempre più difficile. Il progressivo recupero del clima di fiducia delle famiglie e delle imprese anche a marzo consolida le attese di un ritorno dell’attività economica in territorio positivo».

Sul fronte dell’inflazione «per il mese in corso la nostra stima è di una riduzione dello 0,3% congiunturale e di una crescita del 7,5% nel confronto annuo: il rallentamento è determinato esclusivamente dalla riduzione dei prezzi dell’energia e del gas. Il percorso di rientro, seppure ben avviato, non appare privo di incognite. L’inflazione di fondo continua, infatti, ad aumentare, e vi sono ancora elementi di tensione nel settore alimentare. Solo nei prossimi mesi si assisterebbe a una compressione più marcata della variazione dei prezzi al consumo, tale da portare a fine 2023 l’inflazione congiunturale su valori prossimi a quelli medi osservati nell’ultimo decennio prima della pandemia».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata