Coldiretti, l’enoturismo “muove” 2,5 miliardi di euro di giro d’affari

0
337
consorzio vini valpolicella vino italiano Degustazioni Cantina Valpolicella Negrar bicchieri vino
Sette italiani su dieci acquistano almeno una volta il vino direttamente in cantina. Sabato e domenica si svolge “Cantine Aperte”

 

Degustazioni Cantina Valpolicella Negrar bicchieri vinoSette italiani su dieci (71%) hanno acquistato almeno una volta il vino direttamente dal produttore in cantina a o nei mercati degli agricoltori che alimentano un fatturato complessivo dell’enoturismo sui territori stimato in 2,5 miliardi di euro. E’ quanto emerge da un’indagine on line di Coldiretti in occasione di Cantine Aperte la manifestazione che si svolge sabato e domenica in tutta Italia promossa dal Movimento Turismo del vino. 

L’acquisto del vino in cantina – precisa Coldiretti – è un fenomeno in rapida espansione che rappresenta un’opportunità per i consumatori che possono così risparmiare (anche parecchio) e garantirsi acquisti di qualità, ma anche un’occasione per le imprese agricole che possono vendere senza intermediazioni e far conoscere direttamente le caratteristiche e il lavoro necessario per realizzare una specialità territoriale unica e inimitabile. 

L’interesse per i territori è confermato dal boom fatto registrare nel 2015 nei supermercati italiani per le vendite di vini autoctoni con un aumento record del 34,2% di bottiglie stappate di Passerina marchigiana, del 22,2% di Valpolicella Ripasso (Veneto) e del 19,9% del Pecorino (Marche /Abruzzo), che salgono sul podio dei vini che hanno avuto il maggior incremento delle vendite, secondo una analisi di Coldiretti su dati Infoscan Census per le vendite in volume di bottiglie da 0,75 litri. Nel tempo della globalizzazione gli italiani – secondo Coldiretti – bevono locale con il vino “chilometri zero” come dimostra il fatto che al quarto posto si posiziona il piemontese Nebbiolo (+18%), al quinto con un +14,9% il Marzemino del Trentino che conquista anche la sesta posizione con il Traminer altoatesino (+13,2%), seguito dal Negroamaro pugliese (+13%), dal Custoza veneto (+11,6%) e dalla toscana Vernaccia di San Geminiano (+11%). 

La vendita diretta del vino con la possibilità di conoscere vigneti e cantine sono molto diffuse tra i nuovi paesi produttori, come Sudafrica, Australia e Stati Uniti, dove la visita alle cantine – riferisce Coldiretti – alimenta anche un importante flusso turistico. Attualmente, grazie al progetto di Coldiretti per una filiera agricola tutta italiana, la rete di vendita diretta degli agricoltori di Campagna Amica in Italia conta quasi 10.000 punti tra mercati, fattorie, agriturismi, botteghe e ristoranti accreditati.