Bankitalia, in Emilia Romagna senza utile un’azienda su due

L’incertezza sul futuro spinge alla crescita dei depositi bancari di imprese e famiglie.

0
118
confimprese

Secondo l’aggiornamento sulla situazione economica dell’Emilia Romagna presentato dalla sede regionale di Bankitalia, emerge uno spaccato dei primi sei mesi del 2020 segnato dall’emergenza Coronavirus che ha posto il Paese, e con esso, l’Emilia Romagna di fronte a «una crisi che non è solo una crisi economica senza precedenti, ma che ha caratteristiche assolutamente inedite tali da rendere difficili anche stime sul futuro». 

Scorrendo i risultati dell’indagine della sede bolognese di Bankitalia, emerge come «nel primo semestre 2020 la diffusione della pandemia di Covid-19 ha avuto pesanti ripercussioni” sul tessuto emiliano-romagnolo, tanto che l’Indicatore trimestrale dell’economia regionale (Iter) elaborato dall’Istituto ha evidenziato una contrazione del 5,6% nel primo trimestre e del 18,6% nel secondo. 

Circa un’impresa su due, inoltre, conta di chiudere il 2020 in pareggio o in perdita. Analizzando i dati messi in fila da Unioncamere Emilia Romagna, a giudizio di Bankitalia nella prima metà del 2020 la produzione industriale è arretrata del 14,9% con una flessione che ha interessato i principali comparti di specializzazione regionale e ha riguardato sia le vendite interne sia quelle sui mercati esteri. 

Storico punto di forza del panorama economico emiliano romagnolo, le esportazioni nella prima metà dell’anno si sono contratte del 14,2%. In un simile scenario – secondo Bankitalia – va registrato anche in una minore spesa per investimenti: circa il 60% delle imprese ha confermato i piani formulati a inizio anno che prevedevano un calo rispetto al 2019 e oltre un terzo li ha rivisti al ribasso. 

Guardando ai diversi settori in quello delle costruzioni la flessione è risultata più attenuata rispetto alla manifattura (-10,3%) mentre nel terziario il calo delle attività è risultato diffuso: il 70% delle imprese ha registrato una diminuzione del fatturato nei primi tre trimestri dell’anno. La riduzione è stata più marcata per il commercio di beni non alimentari e per i servizi di alloggio e ristorazione: questi ultimi hanno risentito della caduta delle presenze turistiche. 

Sul fronte del lavoro, l’occupazione è diminuita dell’1,7%: la riduzione ha interessato principalmente la componente femminile e quella a tempo determinato. Ampliata, a causa del Covid, la possibilità di utilizzo di strumenti come la cassa integrazione e i fondi di solidarietà, nel bimestre aprile-maggio il loro utilizzo in media ha registrato un picco di oltre 88 milioni di ore al mese mentre fra luglio e settembre, in concomitanza con la ripresa dell’attività produttiva, il numero medio di ore autorizzate si è più che dimezzato, passando a 32 milioni mensili, rimanendo comunque su livelli mai raggiunti prima dell’emergere della pandemia. Sempre in ambito lavorativo, la crisi economica e sanitaria ha scoraggiato la ricerca di un’occupazione: le persone in cerca sono diminuite del 9,2%. 

Volgendo lo sguardo al versante bancario, che risulta ben patrimonializzato con istituti che mostrano un indicatore Cet 1 intorno al 14%, l’incertezza sulle prospettive ha indotto famiglie e imprese ad accrescere il risparmio a fini precauzionali con un aumento dei depositi del 7,9%: «da dicembre – ha evidenziato Bankitalia – i depositi di famiglia e imprese ammontano a 11 miliardi di euro». Quanto alla seconda metà del 2020, «gli indicatori disponibili per i mesi estivi mostrano una ripresa delle attività, sebbene i livelli rimangano al di sotto di quelli dell’anno precedente. In prospettiva – conclude l’analisi di Bankitalia – i rischi al ribasso appaiono ancora rilevanti e legati prevalentemente agli sviluppi della pandemia e alle conseguenti scelte di consumo e investimento da parte di famiglie e imprese».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata