Delegazione di giovani oriundi veneti dell’Uruguay ricevuta a Palazzo Balbi

0
121
STIVAL CON STUDENTI URUGUAY 1
STIVAL CON STUDENTI URUGUAY 1Stival: “rafforziamo i legami con la terra d’origine dei giovani sudamericani”

Giovani, e per la maggior parte di origine veneta, non avevano mai visto la terra dei loro nonni: si tratta di una delegazione di studenti uruguaiani, ricevuta dall’assessore ai flussi migratori Daniele Stival a Palazzo Balbi, sede della Giunta Regionale del Veneto. I ragazzi della Scuola Italiana di Montevideo, per la prima volta in Italia, hanno avuto l’opportunità di visitare la regione grazie ad un programma di scambio culturale.

“Vi ringrazio della visita e vi do il benvenuto nella casa dei veneti. Il Veneto, oltre ad essere la terra dei vostri antenati – ha detto l’assessore – è una regione che ha raggiunto importanti primati, ad esempio nel turismo e nell’agricoltura. Con 63 milioni di presenze l’anno, il Veneto è la prima regione turistica d’Italia: un primato conquistato garantendo ai turisti servizi ed eccellenze in tutti i settori della sua offerta, dal mare alla montagna, alle città d’arte. La sola città di Venezia conta 18 milioni di turisti all’anno”.

“Primati ed eccellenze – ha aggiunto Stival – che sono stati conquistati nel tempo e con il lavoro quotidiano dei veneti”. L’assessore ha inoltre sottolineato che “è fondamentale ricordare che a partire dalla fine dell’ottocento, fino agli anni ’60, il Veneto ha attraversato un periodo di emigrazione sempre più diffusa a causa delle sfavorevoli condizioni economiche”.

“I veneti nel mondo – ha proseguito Stival – sono più di tre milioni. Con la crisi degli ultimi tempi abbiamo purtroppo dovuto constatare come abbia preso avvio una nuova forma di emigrazione che tende a impoverire il nostro territorio allontanando i giovani laureati, le menti brillanti ed i talenti che invece la nostra regione vuole valorizzare per mantenere i primati raggiunti e per sviluppare nuovi settori all’interno del nostro territorio. Vogliamo quindi intraprendere un percorso di crescita, al passo con i tempi, vicino ai giovani ed è per questo che ho scelto, in un periodo dove le risorse sono scarse, di utilizzare mezzi veloci, efficaci e soprattutto utilizzati ogni giorno dai ragazzi come voi. Grazie al sito web dei Veneti nel mondo, la pagina facebook e il canale di youtube, la nostra istituzione incontra, a costo zero, i giovani e tutti i veneti emigrati nel mondo. Le nuove tecnologie non sono solo un importante punto d’incontro – ha concluso – ma anche un elemento di forza che rende la nostra regione tra le più virtuose d’Italia”.