Il nuovo piano di sviluppo industriale del Veneto come motore dell’espansione

Marcato: «dalle reti innovative d’impresa ulteriori spinte alla crescita economica della Regione». 

0
94
piano sviluppo industriale

Lo scorso anno la Regione del Veneto ha varato un nuovo Piano di Sviluppo Industriale del Veneto che punta molto sulle dimensioni delle reti di impresa. Lo ha ricordato l’assessore regionale allo sviluppo economico, ricerca e innovazione, Roberto Marcato, partecipando al Convegno “Human Centric Smart Lighting” presso l’Orto Botanico di Padova per un confronto sui temi della ricerca e dell’innovazione, con particolare riguardo per le tecnologie, i materiali e la progettazione nel settore dell’illuminazione.

Con il nuovo Piano di Sviluppo Industriale, fondato sulle linee guida del “Piano Strategico Regionale per la Ricerca Scientifica e lo Sviluppo Tecnologico e l’Innovazione” e sulla “Strategia di Specializzazione Intelligente per la Ricerca e l’Innovazione della Regione – RIS3 Veneto”, è stata avviata una politica innovativa – ha detto Marcato – con la quale, per la prima volta, è stato dapprima creato e poi consolidato un canale di dialogo permanente tra le imprese e le università venete, due mondi spesso distanti, ma oggi finalmente capaci di fare sistema e di operare in sinergia ponendo quale obiettivo condiviso la crescita dell’economia regionale.

«Il nuovo piano può contare su uno strumento come le Reti Innovative – ha aggiunto l’assessore – che erano già state introdotte dalla normativa regionale per rispondere sia alla nuove sfide economiche di un mercato globalizzato, sia come esempio attuativo di quanto è stato richiesto dall’Europa, proponendo la promozione di nuove eccellenze economiche regionali, operando in ambiti innovativi riferiti a qualsiasi settore e condividendo, attraverso i propri partner, un programma di sviluppo fatto di iniziative e progettualità in grado di trainare l’economia veneta».

«Finora sono state riconosciute 15 Reti innovative regionali – ha precisato Marcato – che hanno fatto da elemento propulsore per ben 19 progetti d’eccellenza di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, di cui 15 finanziati a valere su risorse POR FESR 2014-2020 per un ammontare di contributo pubblico di quasi 31 milioni di euro, mentre per i restanti 4 progetti si stanno già individuando le risorse per la relativa copertura». Fra queste Reti Innovative riconosciute ci sono anche le due che hanno promosso il convegno: Luce in Veneto e ICT4SSL (Smart and Sustainable Living).