L’Automobil club tedesco (ADAC) in visita all’Istituto regionale delle ville venete

0
652
MAX STICH vicepresidente ADAC GIULIANA FONTANELLA Presidente Ville Venete 1
MAX STICH vicepresidente ADAC GIULIANA FONTANELLA Presidente Ville Venete 1Giuliana Fontanella incontra Max Stich. Valutate nuove ipotesi di collaborazione

Importante incontro a villa Venier di Mira (Venezia) sede dell’Istituto Regionale per le ville venete (IRVV) con l’ADAC (Allgemeiner Deutscher Automobil Club) e in particolare con Max Stich, vicepresidente per il turismo dell’organismo germanico che associa 18 milioni di automobilisti. A fare gli onori di casa la presidente dell’IRVV, Giuliana Fontanella, e con lei Paolo Rosso, dirigente della direzione turismo della regione del Veneto, il presidente di Veneto Promozione, Franco Masello con il consigliere delegato direttore generale, Paolo Doglioni, e i rappresentanti delle associazioni dei proprietari delle ville venete, tra cui il presidente dell'”Associazione Ville Venete” Alberto Passi e di “Ville Venete & Castelli” Giulio Bellemo.

Max Stich ha espresso l’interesse dell’ADAC a promuovere nuovi itinerari turistici in Italia e in particolare nel Triveneto: “il turista tedesco conosce mediamente il Veneto per Venezia, le sue spiagge, il lago di Garda, le Dolomiti e l’Italia per i monumenti della Roma antica o per le città dei più importanti monumenti del Rinascimento come Firenze, Pisa e Siena”.

Stich che ha avuto occasione di visitare alcune ville venete, ha convenuto che si tratta di un patrimonio architettonico e culturale che vale molto anche dal punto di vista turistico. Il vicepresidente dell’ADAC ha illustrato ai convenuti alcuni accorgimenti per “conquistare” il turista tedesco; ma soprattutto ha dato un consiglio spassionato: “costruite e potenziate i percorsi ciclabili e i parcheggi di interscambio tra auto e bici – ha sottolineato Stich – ma anche la navigabilità turistica dei corsi d’acqua che già funziona in Riviera del Brenta per collegare le diverse ville venete presenti sul territorio”. Per Stich “le famiglie tedesche sono abituate a trovare percorsi e piste ciclabili e le ville vanno assolutamente collegate con itinerari ciclistici”.

Giuliana Fontanella (IRVV) e Franco Masello (Veneto Promozione) con Paolo Rosso della direzione turismo hanno fatto tesoro dei consigli del vicepresidente dell’Automobile club tedesco ed hanno assicurato il loro impegno per valorizzare e potenziare l’attrattività turistica delle ville venete (di cui circa 200 sono visitabili). La presidente dell’IRVV e il presidente di Veneto Promozione hanno lanciato una proposta di collaborazione rinviando l’approfondimento delle tematiche trattate ad una riunione anche a Monaco di Baviera e successivamente ad un evento promozionale con l’ADAC in una villa veneta.