Parte il 15 dicembre il Railjet diretto Bolzano-Vienna

Si rafforzano i collegamenti ferroviari attraverso il Brennero. Il treno presentato da Kompatscher, Alfreider e Mättha. Peccato che Trento, altra realtà dell’Euregio Tirolese, sia stata tagliata fuori.

0
560
Railjet diretto Bolzano-Vienna
L'arrivo del Railjet a Bolzano. Da sx, Mättha, Kompatscher e Alfreider

Da domenica 15 dicembre, grazie al nuovo collegamento Railjet diretto Bolzano-Vienna con il treno veloce Railjet delle ferrovie austriache ÖBB, si rafforzano i collegamenti ferroviari transfrontalieri attraverso il Brennero all’interno dell’Euregio Tirolese. Peccato solo che il collegamento verso Vienna abbia tagliato fuori Trento, la “terza gamba” dell’Euregio Tirolese, nonostante i soli 57 km di distanza.

In attesa che qualcuno ci pensi e allunghi la tratta del nuovo collegamento anche al capoluogo trentino, il nuovo collegamento è stato presentato dal presidente Arno Kompatscher e dall’assessore provinciale alla mobilità, Daniel Alfreider, insieme all’amministratore delegato di ÖBB, Andreas Matthä, nell’ambito di una cerimonia alla stazione ferroviaria di Bolzano.

Grazie al Railjet ÖBB i viaggiatori possono raggiungere Vienna da Bolzano e tornare indietro senza cambi, con una velocità massima di 230 km/h in 6 ore e 45 minuti. Il collegamento quotidiano per Vienna parte alle 7.45 da Bolzano, quello per Bolzano parte da Vienna alle 15.30. Il treno effettua fermate a St. Pölten, Linz, Salisburgo, Innsbruck, Brennero, Fortezza e Bressanone. Il Railjet dispone di 408 posti a sedere, collegamento wi-fi, ristorante, sistema informativo per i passeggeri, zona relax e zona per famiglie.

«Grazie al nuovo collegamento, Bolzano e Vienna tornano a essere più vicine – ha sottolineato il presidente della provincia di Bolzano, Arno Kompatscher -. Specialmente per gli studenti, per le loro famiglie, per i turisti, non da ultimo per i lavoratori, ma in generale per tutti i viaggiatori, esiste ora un collegamento interessante e attrattivo non solo con Vienna, ma anche con altre importanti città austriache. Proprio per il “piccolo” Alto Adige i collegamenti transfrontalieri via treno sono particolarmente importanti: sono la garanzia di raggiungibilità, scambio e di qualità della vita». Il presidente ha poi sottolineato come un importante obiettivo delle politiche provinciali per la mobilità sia promuovere sempre più gli spostamenti che prescindono dall’uso dell’auto.

Railjet diretto Bolzano-Vienna
Kompatscher e Mättha a bordo del Railjet Bolzano-Vienna.

D’accordo anche l’assessore alla mobilità, Daniel Alfreider: «dobbiamo fare di tutto per spostare il più possibile il trafficodalla strada alla rotaia. Questo vale non solo per il traffico merci ma anche per quello delle persone: occorre trovare alternative all’autostrada, dal momento che proprio sull’A22 viaggiano attualmente quasi la totalità delle persone che si spostano attraverso il nostro territorio». Proprio il collegamento Railjet diretto Bolzano-Vienna e il nuovo collegamento Bolzano-Milano con il FrecciaRossa di Trenitalia, entrambi in partenza da questa domenica 15 dicembre, per Alfreider garantiscono la possibilità di «viaggiare in modo comodo, sicuro e pulito, contribuendo a spostare il traffico su modalità più rispettose dell’ambiente e a costruire ponti culturali fra i territori».

L’amministratore delegato di ÖBB-Holding AG, Andreas Matthä, ha sottolineato che il nuovo treno Railjet diretto Bolzano-Vienna giornaliero fra Bolzano e Vienna collega due regioni fondamentali sul piano turistico ed economico, contribuendo anche ad aumentare la sensazione di essere tutti parte dell’Europa. «Ci fa estremo piacere che i nostri viaggiatori internazionali possano godere appieno del comfort del Railjet anche su questa tratta. Più della metà dei 300 treni ÖBB a lunga percorrenza viaggia quotidianamente attraverso 14 Paesi. Grazie al Railjet diretto Bolzano-Vienna, questa offerta si arricchisce di un ulteriore importante collegamento». Matthä ha poi rimarcato la gratitudine della società nei confronti della Provincia di Bolzano per l’impegno e la convinzione con cui ha portato avanti il progetto del collegamento diretto e per la collaborazione fra i due enti che ha reso possibile la sua realizzazione. Anche ÖBB vuole dare il proprio contributo allo spostamento del traffico sulla rotaia: entro il 2021 l’impegno è quello di raddoppiare la capacità della “RoLa”, la cosiddetta “autostrada ferroviaria viaggiante”, dagli attuali 200.000 a 400.000 camion. Per i collegamenti a lunga percorrenza attraverso il Brennero (DB-ÖBB Eurocity) ÖBB ha giàordinato nuovi treni di ultimo modello che entreranno in servizio dal 2023.

I collegamenti transfrontalieri di ÖBB fra Austria e Alto Adige hanno una lunga tradizione. Fino al 1991 era attivo un collegamento diretto fra Vienna e Merano, passando per Bolzano. Il tracciato prevedeva il passaggio da Zell am See e la durata del viaggio era di 11 ore.

Da 10 anni ÖBB insieme a Deutsche Bahn gestisce gli Eurocity della linea Monaco-Innsbruck-Verona, ma anche fra Bologna e Venezia. Il numero dei viaggiatori è quasi raddoppiato, passando da 380.000 a 700.000.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata