Imprese venete in buona salute e pronte per tornare a investire

Bertin: «avanti con coraggio, sosteniamo la ripartenza».

0
683
imprese venete
Il presidente di Confcommercio Veneto, Patrizio Bertin.

Confcommercio Veneto, l’associazione di categoria più rappresentativa delle imprese venete del terziario, pubblica i risultati del questionario economico-occupazionale del secondo semestre 2022, un’indagine che ha coinvolto un migliaio di imprese associate operanti nel commercio, turismo e servizi. Emerge il consolidamento della ripresa dopo la fase travagliata a causa della pandemia da Covid, una certa stabilità del mercato del lavoro e la propensione a nuovi investimenti per il futuro, specialmente in innovazione e formazione.

Imprese venete: un panorama in miglioramento

Dopo quasi tre anni dall’inizio della pandemia e nonostante la crisi globale provocata dalla guerra in Ucraina, che ha comportato un forte aumento dei costi energetici e delle materie prime, il peggio sembra essere passato. Le aziende venete hanno dimostrato una buona capacità di resistenza e resilienza e ben l’86% del campione intervistato ha dichiarato buono o discreto il proprio stato disalute al 31 dicembre 2022. Tre imprese su dieci considerano la propria attività economico-finanziaria migliorata, mentre un 36% la definisce invariata. Per quanto riguarda l’andamento del fatturato, più del 40% del campione lo ritiene aumentato e ben il 65% dichiara di non avere difficoltà nel pagare i fornitori, sintomo, questo, di un buon livello di liquidità: cinque aziende su dieci ritengono di avere sufficiente disponibilità economica da qui ai prossimi mesi, in una previsione a medio-lungo termine, mentre un 31% dichiara il proprio livello di liquidità adeguato più nel breve periodo (slide 20). Per la quasi totalità degli intervistati è buono, infine, il rapporto con gli istituti di credito e sono aumentate, rispetto al primo semestre dell’anno, le richieste di prestito (20% del campione), che le banche hanno accolto nella maggioranza dei casi.

Investimenti e formazione fra presente e futuro

Un capitolo a parte è rivolto al tema degli investimenti e della formazione aziendale. Rispetto al precedente report elaborato sei mesi fa, l’intenzione delle aziende di investire in attrezzature,macchinari e veicoli è quasi doppia rispetto a ogni altra forma di investimento, un segnale che trova riscontro nella maggiore richiesta di prestito alle banche. Segue a ruota la formazione, uno strumento indispensabile per migliorare e valorizzare il capitale umano a disposizione, di cui tuttavia hanno beneficiato solo il 39% delle aziende durante il quarto trimestre 2022.

«Nonostante tutto, resilienti e resistenti, fiduciosi nel futuro e pronti a tornare ad investire: se c’era bisogno di una verifica sul campo dell’ottimismo che sta spingendo le imprese del terziario di mercato, i risultati del questionario di Confcommercio Veneto sono lì a dimostrarlo – spiega il presidente Patrizio Bertin -. La fiducia è un propellente decisivo. Un’impresa che ha fiducia è un’impresa che non si nasconde le difficoltà di un’inflazione a doppia cifra, di bollette che non sono ancora diminuite, di una guerra che dura ormai da quasi un anno».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata