II Meeting Economia & Etica dei giovani di Confindustria Udine

0
235
Confidustria Udine convegno economia e etica relatori 1

Confidustria Udine convegno economia e etica relatori 1Nel capoluogo tutti i presidenti dei gruppi consiliari della regione Friuli Venezia Giulia a confronto

Dalla politica gli industriali friulani si attendono risposte non solo convincenti, ma anche rapide, molto rapide. Un concetto su cui è ruotato il II Meeting Economia & Etica svolto nella sede di Confindustria Udine promosso dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Udine, guidato da Enrico Accettola, con i presidenti dei Gruppi consiliari regionali o i loro delegati.
I consiglieri regionali Daniele Galasso (PdL), Giorgio Baiutti (Pd), Ugo De Mattia (Ln), Roberto Asquini (Gruppo Misto), Edoardo Sasco (Democratici di Centro), Stefano Pustetto (Rc), Stefano Alunni Barbarossa (Cittadini-Libertà civica) e Alessandro Corazza (IdV) hanno avuto poco più di un minuto a testa, per ogni intervento, per confrontarsi con gli industriali sull’articolo 18 (“E’ una modifica necessaria per il mercato del lavoro?”), sui costi della politica (“Si taglia per davvero o è solo uno spot per calmare gli elettori inferociti?”), ma anche sull’Irap, sul credit crunch, sull’abolizione del segreto bancario, sui capitali rientrati in Italia mediante lo scudo fiscale e sugli ammortizzatori sociali.
Enrico Accettola, presidente del Gruppo Giovani Imprenditori, sottolinea come “per noi è fondamentale poterci confrontare con la classe politica. Ci siamo incontrati lo scorso maggio con i presidenti dei Gruppi consiliari regionali quando la situazione del Paese non sembrava versare in condizioni così drammatiche. In questi mesi – continua Accettola – è successo di tutto: sono cambiati gli scenari nazionali e internazionali ed è anche caduto un Governo sostituito da uno tecnico. E’ nostro interesse quindi capire che cosa succederà all’Euro e all’Italia, ma anche apprendere dai politici regionali se il Friuli Venezia Giulia potrà conservare ed esercitare la propria autonomia speciale”.
All’incontro, moderato e stimolato dal giornalista Tommaso Cerno, è intervenuto Matteo Tonon, vice-presidente di Confindustria Udine, il quale ha sottolineato come “sia fondamentale che i nostri Giovani, ma in linea generale tutto il mondo giovanile, abbiano la voglia e la possibilità di dibattere i difficili elementi che caratterizzano il momento economico e sociale attuale. L’imprenditoria friulane esprime una importante attenzione a quelli che sono gli indirizzi e le valutazioni della classe politica rimarcando la volontà di intraprendere nuovi percorsi di crescita condivisi e sostenibili. Questa è la strada che dobbiamo tracciare anche insieme ai nostri Giovani”.
“Visto il successo della passata edizione – ha affermato invece il vice-presidente dei Giovani Matteo Di Giusto – abbiamo pensato di riproporre questo format in una maniera ancora più accattivante. Il nostro Gruppo di lavoro ha ragionato a lungo su quali tematiche portare all’attenzione della classe politica. Ci aspettiamo delle risposte stimolanti che diano al nostro Gruppo spunti da approfondire nei prossimi mesi”.