La ricerca congiunta di Fraunhofer ISE e Heraeus sviluppa una nuova connessione per le celle fotovoltaiche

Il nuovo dispositivo aumenta la potenza di 1,9 Watt per pannello incrementando l’efficienza del modulo solare. 

0
404
nuova connessione per le celle fotovoltaiche

L’Istituto Fraunhofer per i sistemi a energia solare (ISE) e Heraeus all’interno di un progetto di ricerca congiunto hanno sviluppato una nuova connessione per le celle fotovoltaiche in grado di incrementare l’efficienza complessiva del pannello.

Il connettore a nastro con rivestimento selettivo (SCRTM) raggiunge un guadagno medio di 1,9 Watt nei moduli solari convenzionalia 60 celle. Il connettore può essere utilizzato nella produzione di moduli fotovoltaici industriali senza modifiche del sistema e senza costi aggiuntivi. Fraunhofer ISE ha testato con successo i moduli con il connettore SCR nei suoi moduli fotovoltaici TestLab accreditati. Heraeus e Ulbrich hanno sviluppato un processo per la produzione di un efficiente connettore cellulare e hanno già presentato il nuovo prodotto al pubblico professionale presso l’UE PVSEC a Bruxelles.

Le celle solari in silicio cristallino sono solitamente collegate tra loro con connettori in rame rivestiti di saldatura. Questi connettori sono saldati alla metallizzazione anteriore e posteriore e conducono la corrente elettrica generata. Mentre i connettori delle celle convenzionali non possono imbrigliare la luce incidente, i bordi rivestiti del connettore SCRTM riflettono la luce indirettamente sulla superficie della cella, fornendo in tal modo un aumento delle prestazioni. L’effetto funziona indipendentemente dall’angolo d’incidenza.

«Il nostro partner di progetto Fraunhofer ISE ha supportato con successo le fasi di sviluppo più importanti del nuovo connettore cellulare attraverso test mirati – dice Markus König, project manager del progetto finanziato pubblicamente per lo sviluppo del connettore per cella SCRTM di Heraeus -. Siamo stati in grado di sviluppare il connettore SCR in breve tempo e di convalidare in modo affidabile il prodotto». «I nostri test hanno confermato il guadagno in termini di prestazioni e affidabilità – conferma Achim Kraft, team leader per la tecnologia di connessione presso Fraunhofer ISE -. Come sostituzione drop-in nelle linee di processo industriali, il nuovo connettore ha le migliori possibilità di affermarsi sul mercato dei moduli».

I moduli prodotti con il connettore SCRTM hanno dimostrato un’elevata affidabilità nelle prove di carico secondo lo standard di prova IEC 61215. Nei test estesi condotti presso i moduli fotovoltaici TestLab presso Fraunhofer ISE, i connettori delle celle sono stati esaminati sotto carichi specifici quali variazioni di temperatura, aumento della radiazione UV e stoccaggio dell’umidità. La combinazione dell’esposizione ai raggi UV e dell’umidità è realizzata in una camera climatica speciale e va oltre i consueti test standard dello standard IEC. Rispetto al connettore a cella comune con rivestimento semplice per saldatura, non vi erano restrizioni per quanto riguarda l’affidabilità.

Heraeus è un gruppo tecnologico tedesco con sede ad Hanau leader a livello globale. Fondata nel 1851, è una società a conduzione familiare che affonda le sue radici in una farmacia aperta dalla famiglia nel 1660. Oggi Heraeus combina aziende nei settori ambientale, energetico, elettronico, sanitario, della mobilità e delle applicazioni industriali. Nell’esercizio finanziario 2017, Heraeus ha generato ricavi per 21,8 miliardi di euro. Con circa 13.000 impiegati in 40 paesi, la società Fortune Global 500 ha una posizione leader nei suoi mercati globali. Heraeus è una delle prime 10 aziende a conduzione familiare in Germania.

© Riproduzione Riservata