Trentino Music Arena: esposto alla Corte dei Conti sugli sprechi della giunta leghista

Denuncia del Pd, secondo cui Fugatti & C. avrebbero sprecato oltre 7,6 milioni di euro di denaro pubblico a favore del lucro di privati, a partire da Vasco Rossi.

0
554
Trentino Music Arena

All’insegna di un «uso spregiudicato delle disponibilità pubbliche”, i consiglieri del Pd della provincia di Trentovanno all’attacco degli sprechi di fine legislatura della giunta guidata dal leghista Maurizio Fugatti, colpevole a loro dire, secondo il contenuto di un esposto alla Corte dei Conti, di avere sprecato 7.601.479 euro per l’allestimento della Trentino Music Arena, per l’organizzazione diretta dell’evento di Vasco Rossi e di un’altra decina di eventi canori minori. Davvero una bella montagna di soldi pubblici, con un marcato retrogusto di spesa clientelare in prossimità delle elezioni, all’insegna del migliore “panem et circenses” per una classe politica ormai chiaramente a fine corsa che tenta il tutto per tutto per una vittoria sempre più lontana.

Oltre all’allestimento dei 26 ettari della Trentino Music Arena effettuato tramite l’utilizzo massiccio dei mezzi e del personale della Protezione civile, i consiglieri del Pd si concentrano sui due eventi di Vasco Rossi e di Mr. Rain, affermando come la richiesta di fare chiarezza da parte dei magistrati contabili del Trentino sia «doverosa, dal punto di vista della qualificazione della spesa pubblica, comprendere le ragioni che hanno determinato la scelta da parte della Provincia di organizzare direttamente l’evento, per il fatto che sia stato sottoscritto un contrattocapestro” e per l’onerosità del contratto stesso, posta interamente in capo all’amministrazioneprovinciale».

Di fatto, per l’evento di Vasco la Provincia lo ha organizzato direttamente, senza ricorrere al braccio specializzato del Centro servizi Santa Chiara, cui spetterebbe istituzionalmente l’organizzazione e gestione di gran parte degli eventi culturali che si svolgono in Trentino.

Ti piace “Focus Trentino”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

Oltre ad avere di fatto equiparato un evento programmato come un evento musicale ad una calamità naturaleper sfruttare le procedure speciali del settore, secondo gli esponenti del Pd «alle due società che hanno organizzato il tour dell’artista, la Bing Bang Srl e la Giamaica Srl, sono state poste condizioni incredibilmente favorevoli direttamente dalla Provincia», quando altri enti locali sono stati molto più oculati nella gestione del denaro pubblico per eventi con lo stesso artista. «A Modena il comune ha preteso 1,5 euro per ogni spettatore per coprire le spese, a Lignano Sabbiadoro sono stati dati 100.000 euro e la disponibilità dello stadio e stop. La Provincia di Trento – sottolineando i consiglieri Dem -, invece, ha scelto di coprire interamente tutti i costi».

Ad aggravare il comportamento della giunta Fugatti, secondo gli esponenti Pd, c’è il fatto che «l’amministrazione comunale di Trento è stata letteralmente messa da parte da un “capriccio” di un Presidente che ha portato Vasco in Trentino per entrare nella storia della Provincia».

Dopo avere illustrato nel dettaglio tutte le singole voci che hanno visto come unico protagonista il bilancio della provincia di Trento, l’esposto punta sul comportamento della vicepresidente reggente del Centro servizi Santa Chiara, Sandra Matuella, incidentalmente candidata alle elezioni provinciali del 22 ottobre prossimo tra le filadella Lega, la quale avrebbe firmato un contratto con l’ultimo musicante nella scaletta degli eventi della Trentino Music Arena, Mr Rain, per 800.000 euro senza averne prima la copertura finanziaria, arrivata a posteriori da parte della Provincia stessa, e probabilmente senza averne i poteri di autorizzare una delibera di spesa di un simile importo, per di più senza averli già in cassa.

Comunque la si giri e rigiri, la vicenda della Trentino Music Arena e anche le sue ricadute istituzionali – si pensi alla vicenda delle ripetute rimozioni e rinsediamento a seguito di condanne del giudice del lavoro ai danni della giunta Fugatti del dirigente provinciale della polizia amministrativa colpevole agli occhi di Fugatti di non avallare pedissequamente i suoi voleri per autorizzare lo svolgimento della kermesse rockettara del Vasco nazionale – rimane una delle tante, troppe ombre della gestione dell’Autonomia speciale e dell’economia provinciale che, a fine legislatura, evidenzia un pericoloso passo indietro e un drammatico allargamento della distanza che separa il Trentino dall’Alto Adige in termini di qualità degli amministratori pubblici e di risultati di bilancio, con tre miliardi di disponibilità in meno per il Trentino che pesano come un macigno sulla rielezionedi Fugatti & C.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano” e “Dario d’Italia”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Ti piace “Focus Trentino”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

YouTube

https://youtu.be/t7xWQLHkRbw?sub_confirmation=1

Telegram

https://t.me/ilnordest

https://t.me/ViviItaliaTv

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

https://www.facebook.com/viviitaliatvwebtv

© Riproduzione Riservata